Tante sedie da ufficio: scegli la più adatta all’uso

Tante sedie da ufficio: scegli la più adatta all’uso

Gli esperti di ergonomia e i medici spiegano che restare seduti per tante ore su una sedia inadatta alle esigenze fisiche di chi la usa è un modo certo per ammalarsi, per soffrire di mal di schiena e di dolori alle articolazioni del polso, del braccio e della spalla perché la postura scorretta determina una serie di problemi e malesseri fisici che poi si ripercuotono anche sulla resa lavorativa. Ma allora come facciamo a scegliere la sedia da ufficio giusta e adatta alle nostre esigenze e alla nostra fisicità? Lo scopriamo seguendo le indicazioni che ci propone il sito sceltasediadaufficio

 Anzitutto guardiamo la struttura con cui si intende parlare di schienale, sedile, braccioli, altezza massima e minima e comunque modificabile. Tutto deve fare riferimento alle dimensioni e al peso dell’utilizzatore.

Lo schienale deve essere sufficientemente ampio per accogliere comodamente chi si siede tenendo così una postura corretta. Il sedile deve essere adeguato al peso della persona e reggere mediamente fra i 100 e i 150 chili ma alcuni modelli arrivano ad una portata massima di 180 chili.

I braccioli possono essere presenti o assenti in base all’uso che facciamo della sedia perché potrebbero essere d’intralcio nei movimenti. Se ci sono, invece, dovrebbero poter essere reclinabili e regolabili in altezza caratteristiche presenti nei modelli di fascia medio-alta.

C’è poi la base e le rotelle, quest’ultime in particolare per dare maggiore facilità d’uso se occorrono spostamenti fra i vari punti dell’ufficio.

In commercio esistono anche altre tipologie di sedie che rispondono ad esigenze appunto “particolari” come ad esempio il relax della schiena con accessori ad hoc come cuscini lombari per la schiena, la possibilità di rendere reclinabile lo schienale, un appoggiatesta regolabile, un poggia ginocchia e un alzapiedi per far riposare le gambe favorendo la circolazione sanguigna e linfatica.

Il comfort e la versatilità sono elementi importanti  cui si aggiunge la scelta dei materiali durevoli nel tempo e resistenti all’usura meglio se in tessuti con capacità di traspiranti e un buon grado di dispersione del calore, e imbottiture in materiale anallergico e atossico.

admin